Zaino Trekking – Il migliore ultraleggero, classifica con recensioni

L’equipaggiamento più comune utilizzato in attività di trekking e gite in escursionismo è lo zaino. Il mondo dell’attrezzatura da montagna ha fatto grandi passi avanti rispetto a tempo fa, e gli zaini di oggi sono molto più confortevoli, resistenti e capienti. Che sia un lungo viaggio in cui hai la necessità di portare molte cose, o che sia una breve sosta, non è importante. La chiave per godere appieno le proprie vacanze è avere con sé un bel zaino da trekking.

In questa guida, conoscerete le caratteristiche e altre importanti informazioni per permettervi una scelta accurata che possa soddisfare le vostre esigenze. Partiamo subito.

Nel frattempo, scopri anche gli zaini porta bimbo per il trekking

Zaino da trekking, Cos’è

Uno zaino da trekking è uno zaino adatto a chi pratica attività all’aria aperta e in montagna, nello specifico trekking o escursionismo non troppo estremo. Lo zaino va scelto in base a molti fattori e nel mercato potete trovarne di diversi. Fondamentalmente si tratta di uno zaino fatto di un materiale abbastanza resistente e di grosse dimensioni. È noto per la sua grande capienza e per la sua comodità e praticità. Infatti, è dotato di molte tasche di varia misura e una cintura che potete legare sul ventre. È stato studiato per una corretta distribuzione del peso e un maggior equilibrio, in questo modo non avrete problemi nel trasporto. Prima di passare oltre, ecco le nostre scelte dei migliori zaini da trekking del 2022.

I Migliori zaini da trekking del 2022

Lywencom – Il più leggero e compatto 😮

Come primo prodotto consigliamo questo zaino da trekking ultraleggero e impermeabile. Si tratta di uno zaino che può piegarsi ed essere trasportato facilmente. Ad un prezzo accessibile potete usufruire di questo da 20 Litri che vi permette di avere i seguenti pro:

  • facilità di trasporto
  • materiale in poliestere e impermeabile
  • comodo: regolabile in cinghia e in altezza

L’unico contro che possiamo dare è:

  • capacità: 20 litri non fanno uno zaino molto spazioso

La novità di quest’anno 👀

Invece, se cercate qualcosa di più capiente, potete fare riferimento a questo zaino di nylon e impermeabile. Ha una capacità di 35 litri ed è ben accessoriato per permettervi un viaggio stabile e comodo. Potete approfittare dell’acquisto e godere dei seguenti vantaggi:

  • compattezza
  • praticità: si può adattare a moltissime attività sportive all’aperto
  • ben accessoriato con tasche, cerniere e cinghie resistenti

Un contro riscontrato è:

  • non imbottitura degli spallacci che rende i viaggi pesanti sulle spalle

Neekfox – Con tessuto ultraresistente 🎒

Un’alternativa, sempre con la stessa capacità di 35 litri, potete averla scegliendo questo zaino da trekking Neekfox. Si tratta di uno zaino ventilato e ben accessoriato. Viene particolarmente apprezzato per i seguenti vantaggi:

  • prezzo
  • leggerezza
  • resistenza all’acqua e alla perforazione
  • scompartimenti multipli per borracce ed altri accessori

Uno svantaggio è dato dalla:

  • leggerezza: può essere visto anche come un contro, perché non consente quella giusta rigidità per trasportarlo e per la comodità della schiena

Tomule – Il più capiente di tutti (40L) 💪

Anche in questo caso, vi troverete davanti a uno zaino da trekking ultraleggero e impermeabile. Ma questa volta lo zaino ha una grande capacità da 40 litri. È realizzato in nylon super resistente. Vediamo i pro e i contro.

Pro:

  • leggero: pesa 500 g
  • pieghevole per risparmiare spazio
  • comodo con tasche multiple
  • grande capienza

Contro:

  • leggerezza: anche in questo caso la leggerezza può essere vista come uno svantaggio perché c’è poca robustezza e rigidità per lo schienale.

Lo sapevi? Puoi acquistare uno zaino da trekking dotato di “camel bag”. La “camel bag” o borsa di cammello in Italiano, è un sistema di idratazione inventato e studiato inizialmente per ciclisti ma che è diventato presto di comune utilizzo anche per gli escursionisti e amanti del trekking. Si tratta di un sistema che vi permette di bere acqua senza l’uso delle mani o senza che vi dobbiate fermare. Per le attività di trekking ed escursionismo c’è la necessità di bere molta acqua per idratare il corpo dato lo sforzo fisico intenso, questo sistema è perfetto per lo scopo.

È costituito fondamentalmente da una sacca idrica, un tubo e una valvola. Lo potete acquistare integrato nello zaino oppure a parte e installarlo dentro lo zaino. In questo modo non dovrete fermarvi per bere e potrete continuare la vostra attività in modo tranquillo.

Cosa mettere in uno zaino da trekking?

Uno zaino da trekking è molto spazioso, potete mettere dentro veramente tante cose. È consigliato non prendere alla lettera la lista che leggerete nelle prossime righe perché ognuno ha le proprie necessità e magari alcune persone hanno bisogno di accessori diversi. In ogni caso, si tratta di una lista comune, quindi dovrebbe andare bene per la maggior parte delle persone. Cominciamo:

Innanzitutto dobbiamo scegliere in base alla stagione, quindi in inverno ci porteremo anche indumenti più pesanti. Possiamo poi portare un paio di guanti, magari leggermenti felpati, una fascia per le orecchie e per la testa, da utilizzare al posto del cappello se volete.
Gli immancabili fazzoletti che sono sempre utili, occhiali da sole se volete fare trekking ad alta quota e una fascia multiuso. Di solito queste fasce vengono utilizzate come scaldacollo o come sottocasco se svolgete attività più estreme come l’alpinismo.

In una tasca più piccola potete inserire l’amuchina e una torcia frontale. Inoltre, potete inserire una bussola cartografica, un coltellino svizzero per usi straordinari.
Infine, nella parte inferiore, solitamente il posto studiato per i ramponi, potete mettere un kit di emergenza, del cordino per sostituire i lacci delle scarpe o legare qualcosa, un fischietto come segnalazione acustica, uno scotch americano nel caso in cui si rompesse lo zaino, una borraccia capiente e indumenti adatti.

Durante l’inverno potreste portarvi un gilet antivento o un piumino comprimibile.
Insomma, come avete potuto leggere, la quantità di accessori da inserire è molta.

Quanto dovrebbe pesare uno zaino da trekking?

Prima di continuare, è bene precisare che il peso ideale dello zaino da trekking è un valore relativo e dipende da molti fattori, come modello, capienza, tipologia di escursione o stagione in cui andrete a svolgere l’attività. In ogni caso possiamo utilizzare dei numeri di riferimento.
Partiamo dal peso dello zaino vuoto.

Per trekking ed escursioni di breve durata, consigliamo uno zaino ultraleggero, con capienza di circa 15 litri. Se l’uscita è prevista di qualche giorno, dovete spostarvi sui 30 litri, raddoppiate il valore se il viaggio è ancora più lungo.

Per quanto riguarda il peso complessivo, se si tratta di una gita di breve durata, consigliamo uno zaino con un peso totale pari al 10% del vostro peso corporeo. Invece, per una gita di più giorni, si prevede un peso totale pari al 20% del peso corporeo.
Ma ora, vediamo come scegliere uno zaino da trekking.

zaino trekking ultraleggero

Come scegliere uno zaino da trekking ultraleggero

Scegliere uno zaino da trekking non è un gioco da ragazzi, bisogna fare attenzione ad alcuni criteri che vi permetteranno di fare il giusto acquisto in base alla tipologia di escursione che andrete a fare e in base alle vostre esigenze. Vediamo i criteri da prendere in considerazione:

  • leggerezza: fattore spesso determinante. Assicuratevi che non sia troppo leggero in quanto una certa resistenza e robustezza deve sempre essere presente, in particolare per la schiena e l’indossabilità.
  • capienza: in questo articolo avete visto diversi numeri per la capienza. Il valore della capacità dipende molto dalla vostra necessità e da cosa dovete portarvi. Ovviamente, tenete presente che più capiente è lo zaino, più il peso si farà sentire nel complesso.
  • tasche e cinghie: le tasche e le cinghie sono fondamentali per uno zaino da trekking. Assicuratevi che vi siano abbastanza tasche e che abbiano misure differenti per vari accessori. Fate caso poi alla resistività delle cinghie e al fatto che si possano regolare.
  • schienale: penso che nessuno abbia piacere di avere mal di schiena dopo una lunga camminata. Lo schienale deve adattarsi bene alla vostra schiena in termini di comodità, altezza e spallacci. Gli spallacci non devono essere troppo sottili e devono essere imbottiti per un viaggio senza problemi.

Altri zaini trekking ultralight consigliati

In Conclusione

In conclusione, lo zaino da trekking fa parte dell’attrezzatura di un vero amante del trekking e dell’escursionismo. Con la sua grande capienza, la comodità e la facilità di trasporto, questi zaini sono la vera prima scelta di ogni escursionista che si rispetti. Per acquistare un prodotto adatto alle vostre esigenze, tenete a mente i consigli che avete trovato in questo articolo e sarete in grado di selezionare modelli diversi che troverete in un negozio specializzato o online.

Se siete ancora indecisi nella scelta, vi consigliamo di considerare le nostre migliori zaino da trekking ultraleggeri del 2022, in questo modo andrete sul sicuro.