Spiralizzatore di verdure – A cosa serve, come usarlo e classifica dei migliori

Le verdure sono un elemento centrale di un regime alimentare corretto, dovremmo mangiarne più di una porzione ogni giorno al fine di prenderci cura del nostro benessere. In molti casi, meglio ancora se hanno la buccia, che rappresenta la parte più ricca di nutrienti.

Fortunatamente, oltre a fare bene, le verdure sono anche buone e molto divertenti da preparare in cucina. Possono essere servite crude o cotte in modo diverso: al forno, alla griglia, bollite, in padella. Per non parlare dei colori da cui sono caratterizzati. È davvero possibile sbizzarrirsi con mille ricette diverse, da soli oppure con l’aiuto di appositi strumenti che possono aiutarci nel taglio, così da avere risultati diversi, precisi e originali.

Uno di questi è lo spiralizzatore di verdure. Scopriamo di cosa si tratta!

Spiralizzatore di verdure, cos’è

Forse il nome potrà sembrare uno scioglilingua e tanti potranno convincersi di non averne mai visto uno, ma in realtà non è così. Lo spiralizzatore di verdure è un apparecchio alquanto diffuso in cucina e, così come la mandolina, consente di tagliare le verdure in modo preciso e veloce. La differenza è piuttosto “di stile”, in quanto mentre con la mandolina si possono ottenere tagli simmetrici, con lo spiralizzatore – come suggerisce il nome – le verdure sono tagliate a spirale per ottenere quelli che sono anche conosciuti come “spaghetti di verdure”. Ne esistono 3 diversi modelli, di cui quello con funzionamento elettrico è il più immediato. Basta semplicemente posizionare la verdura al suo interno e lasciar lavorare le lame così come impostate. Il gioco è fatto!

I Migliori spiralizzatori di verdure elettrici del 2022

Imetec SP 100

Spiralizzatore automatico dal design essenziale e semplice nel funzionamento. Grazie alla presenza di 3 diverse tipologie di lame in acciaio inox, consente di tagliare le verdure a forma di spaghetti, pappardelle o tagliatelle. Dopo averlo utilizzato raccogliendo quanto lavorato in un comodo contenitore che raggiunge un massimo di 500 gr, può essere facilmente lavato in lavastoviglie.

Pro:
Lavabile in lavastoviglie
Versatilità d’uso
Resistenza dei materiali
Facile da usare
Si integra bene in ogni ambiente

Contro:
Non presenta accessori aggiuntivi per la manutenzione

Kenwood Spiralizer FGP203WG

Nonostante si tratti di un modello elettrico, presenta anche piedini per fissarlo alla base di lavoro aumentandone la stabilità. Anche in questo caso sono presenti 3 lame di diametro diverso per consentire taglio stile spaghetti, pappardelle o tagliatelle da riporre senza alcuno sforzo nella caraffa antistante. Adatto sia alla frutta che alla verdura, presenta un vano portacavo nella parte posteriore per conservarlo con maggiore facilità quando non lo si usa.

Pro:
Versatilità d’uso
Facile da usare
Si integra bene in ogni ambiente

Contro:
Lavora meglio frutta e verdura di piccole dimensioni
Una parte della frutta e verdura non è lavorabile alla fine e quindi va sprecata

Cecotec Spiralizzatore Spiralchef 400

Gli amanti del design ne resteranno particolarmente colpiti. Si tratta infatti di un apparecchio eccellente nelle prestazioni come nell’estetica. Leggermente più ingombrante rispetto agli altri modelli automatici presentati, ma che offre anche qualcosina in più. Realizzato in materiali ecologici, presenta 4 lame in acciaio inox e un contenitore con capienza da 1 L. Inoltre può essere lavato in lavastoviglie ed è fornito di un Security System con chiusura e piedini antiscivolo.

Pro:
Design accattivante
Molto capiente
Ottimo rapporto qualità prezzo
Sistema di sicurezza integrato
Lavabile in lavastoviglie

Contro:
Materiali non particolarmente resistenti
Parti di ricambio difficili da reperire

Pedrini 04GD159 Affettaverdure a Spirale


Tanto piccolo quanto pratico. Ci troviamo davanti a un modello manuale che consente un utilizzo semplice e immediato, così come semplice e immediata può essere la sua pulizia. Realizzato in poche parti componenti assemblate ad incastro, necessita di pressione e movimento manuale per funzionare. La qualità è assicurata anche dalla lame in acciaio inossidabile.

Pro:
Compatto e leggero
Ottimo prezzo
Facile da lavare
Occupa poco spazio

Contro:
Non particolarmente resistente

Brieftons – 10 Blade Spiralizer


Adatto per un uso professionale, questo spiralizzatore di verdure ha davvero tutto quello che una persona può desiderare per divertirsi in cucina. La confezione, oltre alla macchina da utilizzare in modalità manuale, presenta ben 10 lame in acciaio inox con rispettivo proteggi lama, un set di contenitori salva alimenti e un sistema di sicurezza per ancorare la macchina alla base durante l’uso.

Pro:
Versatilità d’uso
Molto capiente
Accessori aggiuntivi
Ottimo rapporto qualità prezzo
Sistema di sicurezza integrato

Contro:
Ingombro considerevole

Quali tipi di spiralizzatori di verdure esistono?

Sul mercato esistono 3 diverse tipologie di spiralizzatore per verdure, che differiscono in base alla modalità di funzionamento, al design e alla grandezza. Nello specifico troviamo quello palmare o a pressione, quello a manovella e quello elettrico.

Il primo, come suggerisce il nome, utilizza la pressione per spingere la verdura verso le lame che devono effettuare il taglio. Come il secondo modello è presente una manovella, e prevede quindi l’utilizzo manuale dell’apparecchio, ma risulta più impegnativo da utilizzare anche se è ha il vantaggio di essere poco ingombrante.
Il modello a manovella ha invece dimensioni più grandi e delle ventose o un sistema di aggancio alla base per tenere ferma la macchina nel mentre la si usa. Anche in questo caso tutto ciò che bisogna fare è spingere la verdura verso le lame accompagnandola durante la fase di taglio.
Infine, lo spiralizzatore elettrico funziona in modo completamente automatico una volta inserita la frutta o la verdura da tagliare e avviato il pulsante di accensione.

Come si usa uno spiralizzatore di verdure?

Nonostante il funzionamento di uno spiralizzatore di verdure sia molto semplice, trattandosi di un apparecchio che utilizza le lame è bene prestare la massima attenzione in ogni fase.

Innanzitutto, nel caso di un modello a manovella caratterizzato da continue oscillazioni durante l’uso, la prima cosa da fare è accertarsi che sia ben saldo sul piano di lavoro. Successivamente, bisogna scegliere la lama che si desidera utilizzare e bloccarla all’interno dell’apparecchio. Dopodiché si procede con il lavare la frutta o la verdura da tagliare, e a sbucciarla se si preferisce, per poi posizionarla nell’imbuto dell’apparecchio e spingerla verso le lame.

A questo punto è arrivato il momento di azionare la macchina a mano o tramite il pulsante di accensione, se si tratta di un modello elettrico.

spiralizzatore verdure

Come scegliere uno spiralizzatore di verdure

Prima di procedere con l’acquisto di uno spiralizzatore di verdure, non dimentichiamo di fare le seguenti valutazioni al fine di trovare il prodotto più adatto alle nostre esigenze.

  • Tipologia: Come spiegato in precedenza, esistono 3 tipologie di spiralizzatore di verdure che differiscono in base al loro funzionamento che può essere a pressione, manuale oppure elettrico. Mentre i primi due risultano più piccoli ma anche più impegnativi nell’uso e meno sicuri, l’ultimo risponde a un maggiore ingombro offrendo un livello più alto di sicurezza e prestazioni migliori.
  • Ingombro: Si parte dal modello a pressione, che è il più piccolo, per procedere poi nell’ordine con quello manuale e quello elettrico. Considerando le differenze dimensionali, a volte notevoli, è bene considerare prima lo spazio a disposizione in casa e la frequenza con cui si utilizzerà l’apparecchio.
  • Facilità d’uso e di pulizia: In generale il modello elettrico, essendo automatico, risulta più semplice nell’uso rispetto a quelli manuali. Mentre per quanto riguarda la manutenzione, facendo sempre attenzione alle lame, è semplice in tutti e tre i modelli. Unica differenza, quelli manuali spesso possono essere completamente lavati in lavastoviglie.
  • Versatilità: Numero di lame in dotazione. Solitamente 3 o 4 lame possono bastare, ma questo dipende dal lavoro che si desidera fare. Alcuni modelli consentono di tagliare solo la verdura, altri anche la frutta oppure di variare lo spessore oltre alla forma.
  • Prezzo: Dipende dalla tipologia di funzionamento e dalla quantità di lame incluse. In linea di massima quelli elettrici sono i più costosi considerando il livello di tecnologia incluso e le prestazioni offerte.

Spiralizzatori di verdure elettrici scelti oggi

In Conclusione

Apprezzato per la sua versatilità e la praticità d’uso, la diffusione di questa affettatrice a spirale di verdure sul mercato, è dovuta in gran parte anche all’esigenza da parte delle persone di integrare maggiori quantità di frutta e verdura nella propria alimentazione quotidiana.
Trattandosi di apparecchi che agevolano notevolmente il processo del taglio rispettando le proprietà nutritive dell’alimento, sono molto apprezzati soprattutto nelle famiglie con i bambini piccoli, attratti dalle forme più divertenti che possono assumere frutta e verdura.

Facile da usare e da pulire, lo spiralizzatore di verdure necessita solo di un uso attento per la presenza delle lame.