Migliori smartphone pieghevoli – e quello più economico

Prima che lo smartphone iniziasse la sua marcia trionfale, un solo fattore di forma dominava il mondo della telefonia mobile. I telefoni cellulari pieghevoli hanno goduto di un’enorme popolarità. Modelli come il Motorola Razr V3 e il Nokia N90 in particolare erano semplicemente fantastici. Inoltre, grazie al loro meccanismo pieghevole, erano incredibilmente pratici, in quanto scomparivano in ogni tasca dei pantaloni una volta ripiegati. Il trionfo dell’iPhone, che è stato il primo smartphone a rivoluzionare il mercato, ha posto fine all’era dei telefoni pieghevoli. Il display touch occupava sempre più spazio. Di conseguenza, gli smartphone sono diventati sempre più grandi.

Ma l’idea del telefono cellulare pieghevole è tornata, questa volta sotto forma di smartphone pieghevole. Dopo tutto, i produttori non volevano tornare alla separazione tra schermo e tastiera. Il loro approccio: il display deve piegarsi. I produttori seguono due strade, una vuole fornire agli utenti uno smartphone con uno schermo delle dimensioni di un tablet, mentre gli altri riducono l’enorme display dello smartphone a una dimensione tascabile.

Detto questo, ora che i vari produttori hanno messo sul mercato alcuni smartphone pieghevoli, il nostro compito è stato quello di provarne alcuni e di stilare la classifica che vedrete in questa guida. Ecco le nostre opinioni!

I migliori smartphone pieghevoli del 2022

Samsung Galaxy Z Flip 3

Il Samsung Galaxy Z Flip 3, al momento lo smartphone pieghevole più economico, presenta un design raffinato rispetto ai suoi predecessori – Galaxy Flip e Galaxy Flip 5G – con fotocamere più sottili all’esterno e un display esterno più grande.
Come il Galaxy Z Fold 3, anche lo Z Flip 3 è impermeabile e ha una struttura più robusta. Il display della cover è passato da 1,1 a 1,9 pollici e anche il display interno ha una frequenza di aggiornamento di 120 Hz.
Le specifiche della fotocamera sono le stesse dello Z Flip 5G, così come le opzioni di RAM e di archiviazione e la capacità della batteria, ma lo Z Flip 3 utilizza il chipset Qualcomm Snapdragon 888 invece dello Snapdragon 865+.

Samsung Galaxy Z Fold 3

Il Samsung Galaxy Z Fold 3 è il successore del Galaxy Z Fold 2 e offre un design più raffinato, una struttura più robusta e l’impermeabilità.
Offre le stesse specifiche di visualizzazione del suo predecessore, con un display esterno da 6,23 pollici e un display interno da 7,6 pollici, con il display esterno che ha una frequenza di aggiornamento di 120 Hz e il display interno con una fotocamera sotto il display. Lo Z Fold 3 è anche compatibile con una S Pen appositamente progettata.
Anche l’hardware è stato migliorato rispetto allo Z Fold 2. Lo Z Fold 3 monta il chipset Qualcomm Snapdragon 888, 12 GB di RAM, 256 GB o 512 GB di memoria e una batteria da 4400 mAh.

Oppo Find N

L’Oppo Find N ci ha colpito per la sua piega praticamente invisibile, dovuta al design intelligente della cerniera.
Il software è ottimo e consente un facile multitasking, che si sposa bene con il formato quadrato del display interno. Le prestazioni sono eccellenti e il fattore di forma compatto lo rende più facile da usare rispetto al Fold 3.
C’è però un grosso inconveniente: il Find N è disponibile per ora solo in Cina come esclusiva. D’altra parte il suo successore, N2, potrebbe essere lanciato anche in Europa, secondo alcuni rumors.

Microsoft Surface Duo 2

Il Surface Duo 2 è un’opzione leggermente diversa. Lo schermo non è ripiegabile come gli altri dispositivi della lista, ma il telefono ha due schermi separati e si ripiega come un notebook.
Questa separazione dello schermo lo rende un’ottima opzione per il multitasking e sembra che Microsoft si rivolga agli utenti professionali con questo dispositivo.
Non è in grado di eguagliare la qualità della fotocamera dei suoi concorrenti e l’interfaccia utente presenta alcune fastidiose stranezze, ma se siete alla ricerca della massima produttività in movimento, il Surface Duo 2 è un’ottima opzione.

Motorola Razr 5G

Motorola, società di proprietà di Lenovo, ha letteralmente trasformato il suo iconico flip phone Razr, risalente a 15 anni fa, in uno smartphone pieghevole, sostituendo il tastierino numerico con un display OLED flessibile che si ripiega in un formato quasi quadrato quando si chiude il telefono.

Il dispositivo originale è stato lanciato nel novembre 2019, ma l’azienda ha poi rilasciato un modello di seconda generazione, il Razr 5G. Il Razr 5G ha una struttura in vetro e acciaio inossidabile, uno scanner di impronte digitali sul retro e uno spessore di circa 16 mm quando è piegato. Lo schermo principale è da 6,2 pollici ed è un OLED in plastica che può essere ripiegato, mentre il secondo schermo sul davanti è un pannello fisso da 2,7 pollici dove è possibile leggere le notifiche.

All’interno c’è un processore Qualcomm Snapdragon 765 abbinato a 8 GB di RAM, 256 GB di memoria e una batteria da 2800 mAh. C’è una fotocamera da 48 megapixel che si trasforma in fotocamera principale e per i selfie, e una fotocamera interna da 20 megapixel.

Huawei mate XS

Anche Huawei è in gara per il miglior smartphone pieghevole. Il Mate Xs è un’ottima scelta per chi non sa se prendere uno smartphone o un tablet. Quando il dispositivo è piegato, il pannello OLED misura 6,6 pollici; in modalità aperta, è un gigantesco 8 pollici. La densità di pixel è di 414 ppi in entrambi i casi: un valore notevole!

La vera carta vincente è la Quad Cam all’avanguardia, che comprende un veloce sensore principale da 40 MP e un teleobiettivo stabilizzato otticamente per primi piani chic. Si nota che il dispositivo non dispone di una fotocamera frontale. Ma non ne ha bisogno, perché grazie al meccanismo pieghevole, la fotocamera principale può essere utilizzata come selfie cam.

All’interno del Mate Xs si trova l’HiSilicon Kirin-990, un chipset octa-core compatibile con il 5G, il cui nucleo più potente raggiunge una velocità di clock di ben 2,84 GHz. Ciò significa che il processore è in grado di eseguire senza problemi anche le applicazioni più impegnative per la CPU. Purtroppo, l’autonomia della batteria è piuttosto scarsa, nonostante la capacità di 4500 mAh.

Qual è lo smartphone pieghevole più economico?

Tra quelli disponibili al momento in commercio, lo smartphone pieghevole più economico è il Samsung Galaxy Z flip 3 5G, al momento al prezzo di € 666. Con la gamma Z Flip, Samsung ha un modello che è stato progettato per attirare le masse.

e l’iphone pieghevole?

Apple non è una di quelle aziende che salta immediatamente su un carro tecnologico. Di conseguenza, stanno prendendo tempo quando si tratta dell’iPhone pieghevole. Sembra chiaro che un dispositivo con display pieghevole sia in fase di sviluppo ma questo non è una garanzia di rilascio; infatti, al tempo stesso, si nutre profondo scetticismo per quello che sarà il futuro di questa tipologia di smartphone.
Per questa ragione, Apple sta facendo da osservatrice del mercato, cercando miglioramenti che potranno essere apportati nei futuri smartphone pieghevoli.