Pianola per scuola media – le più affidabili e consigliate dalle maestre

La musica fa parte della vita di ciascuno di noi. È importante ascoltarla ma è fondamentale studiarla perché oltre a insegnare cosa è il ritmo, le melodia e la storia di importanti autori, aiuta ad affinare tanto il ragionamento logico quanto una particolare sensibilità creativa. Questo avviene soprattutto quando si impara a suonare uno strumento. Solitamente già da piccoli a scuola i maestri o i genitori a casa spingono il bambino a interagire con chitarre, tamburi e pianole, ma è solo alle scuole medie – quando orami si è un po’ più grandicelli – che si ha la capacità di scegliere lo strumento dal quale si è più incuriositi.

Uno tra tutti la pianola, che sembra davvero incuriosire chi approccia la musica per la prima volta e ha voglia di imparare.

Pianola per bambini, cos’è

Una pianola per bambini non è tanto diversa da quella per adulti, eppure, soprattutto se deve essere utilizzata in ambiente scolastico, ha bisogno di avere determinate caratteristiche come: leggerezza, resistenza, presenza di accessori e facilità d’uso. Oltre a un costo troppo eccessivo, considerando che si tratta ancora di un “esperimento” per il bambino interessato forse a giocare più che a studiare. Parola d’ordine allora: divertimento, insieme ad affidabilità.

Ma vediamo quali sono i modelli di pianola per scuola media attualmente più richiesti sul mercato.

Le Migliori pianole per suola media del 2022

Bontempi Tastiera Digitale, la qualità del marchio


Una pianola digitale divertente, pratica e semplice da usare grazie alla presenza di 60 canzoni predefinite, 200 suoni e 200 ritmi, ai quali si aggiungono 49 tasti da poter utilizzare in completa autonomia. Inoltre, la funzione registrazione e riproduzione rappresenta un valido supporto per l’apprendimento, mentre accessori come la borsa e il cavo usb favoriscono il trasporto dello strumento.

Pro:
Leggera e compatta
Accessori per il trasporto
Multifunzionale
Utile per imparare

Contro:
Qualità dei materiali non eccellente

Alesis Melody 32, la più professionale

Perfetto per far divertire i più piccoli, questa pianola nonostante le dimensioni e il costo contenuti nasconde un grande potenziale. Iniziamo presentando la possibilità di scegliere tra ben 300 soluzioni musicali differenti tra suono acustico, elettronico, organo, batteria e così via. A questo si aggiungono 40 brani dimostrativi, 300 suoni predefiniti e 32 tasti per divertisti componendo. Per non dimenticare la comoda ricarica tramite batteria e cavo usb e un abbonamento di 3 mesi a lezioni di piano online.

Pro:
Multifunzionale
Utile per imparare
Abbonamento a lezioni di piano online

Contro:
Amplificatore non particolarmente potente

Bontempi1237803, la più facile da imparare

Un prodotto Made in Italy che unisce la semplicità al divertimento. Pur trattandosi di una pianola di piccole dimensioni, e per questo molto utile per essere trasportata e utilizzata in ambiente scolastico, le funzionalità presenti sono molteplici. A partire dai 32 tasti, essenziali per l’apprendimento, ai quali si aggiungono la funzione registrazione e la possibilità di integrare 10 suoni e 10 canzoni.

Pro:
Utile per imparare
Leggera e compatta

Contro:
Solo una delle due casse è funzionante
Qualità dei materiali e del suono non eccellente

Rockjam 49, la più economica

Chiudiamo con una tipologia di pianola adatta a chi ha già deciso di voler proseguire nell’apprendimento della musica, trattandosi di un modello più avanzato e professionale. Come quelli precedentemente descritti presenta sia la funzione tasti che quella registratore e stereo, ma aggiunge anche la possibilità di collegare le cuffie e uno schermo digitale molto utile per l’apprendimento.

Pro:
Schermo digitale
Materiali resistenti
Utile per imparare
Presenza di accessori
Multifunzionale

Contro:
Abbastanza ingombrante

Lo sapevi che la pianola è stata inventata nel 1895? La prima è stata progettata a New York per diffondersi poi in Europa, in particolare in Germania dove fu prodotta una versione simile all’originale. Si tratta di uno strumento di grande successo, almeno fino alla diffusione della radio negli anni ’20 del Novecento.

Come si usa la pianola per bambini?

Il modo di usare una pianola per bambini può variare in base alle caratteristiche del modello dal momento che alcuni consentono solo l’uso puro dei tasti, mentre altri permettono di lavorare su melodie o suono registrati. Nel caso di una pianola base, la prima cosa da fare ovviamente è quella di spiegare al bambino cosa sono le note e come poter utilizzare diversamente la mano destra, per creare la melodia, e quella sinistra, invece, per gli accordi. A questo punto occorre insegnargli a riconoscere le note a partire dal “do”, in modo da poter approcciare, almeno inizialmente, la testiera con le due mani.

Quali sono i diversi tipi di pianola?

Esistono tre diverse tipologie di pianoforte: quello acustico, il digitale e le tastiere elettroniche / sintetizzatori. Volendo analizzare le tre tipologie con maggiore attenzione, vediamo che:

  • Pianoforte acustico: è il tradizionale pianoforte in legno, più pesante e leggermente più difficile degli altri da suonare, ma si tratta della soluzione ideale per chi desidera approcciare la musica perché desidera poi continuare lungo questa strada. Una volta imparato a suonare il pianoforte acustico, sarà possibile suonare con facilità anche le altre tipologie di piano. A sua volta si divide in modello a coda o diritto.
  • Pianoforte digitale: simile a quello acustico nella resa, ha tasti che presentano una maggiore sensibilità e quindi sono più facili da suonare. Tuttavia, rispetto a quello acustico è più piccolo e presenta un suono meno nitido, ma necessita anche di meno manutenzione e può essere utilizzato comodamente con le cuffie.
  • Tastiere elettroniche / sintetizzatori: un’ottima alternativa se si ha a disposizione un budget e si preferisce far approcciare il bambino al suono come un gioco. A differenza dei modelli digitali, le tastiere elettroniche sono più simili a mini-sintetizzatori e possono emettere suoni diversi oppure anche ritmi pre-registrati.
pianola per scuola media

Come scegliere una pianola per scuola media

Una volta che ci si è convinti ad acquistare una tastiera musicale per scuola media, prima di procedere con l’acquisto è bene soffermarsi a fare ulteriori valutazioni rispetto a questi aspetti, in modo da fare il giusto investimento.

  • Tipologia: abbiamo visto che è possibile optare per una pianola digitale o tastiere elettroniche con una differenza nell’aspetto così come nella funzionalità. Si tratta di una scelta fondamentale che dipende dall’approccio che si vuole dare allo studio, più serio o come gioco, e anche dall’inclinazione del piccolo, oltre che dal nostro budget.
  • Tasti: ovvero numero di tasti. Una pianola può avere da un minimo di 25 tasti e un massimo di 88 tasti, con una media di 61 tasti per una tastiera standard. Anche in questo caso la scelta dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare, soprattutto se si considera che una tastiera con pochi tasti ha un uso molto limitato.
  • Dimensioni: si intende in questo caso la portabilità della pianola in quanto, trattandosi di uno strumento da utilizzare a scuola, non deve risultare troppo pesante e ingombrante. Il consiglio è di orientarsi verso prodotti per uso domestico che hanno tra i 49 e i 61 tasti, così da bilanciare peso e funzionalità.
  • Versatilità d’uso: fattore importante da considerare per chi è alle prime armi. La possibilità di preferire un modello con ritmi o brani registrati può aiutare il ragazzo nell’esecuzione.
  • Marchio: spesso il fattore brand è sopravvalutato, ma non nel caso degli strumenti musicali. Al fine di ottimizzare l’investimento fatto è ottenere la massima qualità e funzionalità, è bene rivolgersi alle aziende più affidabili del settore come Yamaha, Casio o Bontempi.

Pianole consigliate dalle maestre di scuola media

In Conclusione

Le scuole medie sono di solito il momento in cui la maggior parte dei ragazzi approccia per la prima volta il mondo della musica. Un evento da non sottovalutare, considerando l’importanza di questa dimensione per sviluppare creatività e pensiero logico. Supportare i propri figli con l’acquisto di una pianola da poter utilizzare sia a scuola che a casa è una scelta ottimale per capire se esiste una predisposizione da parte loro, ed è quindi giusto continuare a investire in tal direzione.