Compressore ad aria portatile – Come sceglierlo e qual è il migliore

Le attività di bricolage e fai da te sono tra le forme di passatempo più apprezzate da molte persone. Soprattutto in estate o durante i weekend, in particolare gli uomini trovano interessante dedicarsi a lavori manuali del genere. Alcuni riguardano l’ambiente domestico, mentre altri veicoli come ad esempio moto, macchine e biciclette. In alcuni casi è possibile spaziare dal punto di vista degli attrezzi da utilizzare, soprattutto quando ne servono di tipologie specifiche, al contrario, invece, in altri è possibile ricorrere a macchinari versatili come ad esempio i compressori ad aria, ancora meglio se portatili. La trasportabilità di questo strumento, infatti, semplifica ulteriormente il suo utilizzo incidendo positivamente su due fattori: ergonomia e sicurezza.

Ma vediamo meglio di cosa si tratta!

Compressore ad aria, a cosa serve

Un compressore ad aria portatile è un apparecchio con dimensioni, peso (e prezzo) contenuti rispetto a un modello standard, che tuttavia presenta un sistema di funzionamento e una funzionalità pressoché identici. Come ogni normale compressore, anche quelli di taglia mini sono dotati di un motore elettrico indispensabile per mettere in funzione il sistema di pistoni meccanici che servono a comprimere l’aria in fase di uscita. Si tratta di uno strumento utile per molteplici attività: dalla pulizia di ambienti domestici a quella di veicoli mediante l’aggiunta di una pistola per pompa idraulica, lavori di verniciatura o, ancora, per avvitare bulloni e misurare la pressione degli pneumatici. Insomma, può risultare davvero utile averne sempre uno a portata di mano.

A questo punto non resta che scegliere il modello che fa al caso nostro.

I Migliori compressori ad aria portatili del 2022

Xiaomi compressore digitale, il più portatile 🤏

Un modello di compressero da avere sempre a portata di mano. Si tratta infatti di una soluzione davvero mini, che può essere portata facilmente anche in tasca, e per questa ragione si adatta con maggiore facilità a un uso rivolto a gonfiare ruote di veicoli o anche materassini, palloni e altri oggetti ad aria. Interessante l’attenzione rivolta all’innovazione, sia per quanto riguarda il design minimal che la presenza di display, programmi predefiniti e un sensore digitale di pressione.

Pro:

  • Maneggevole
  • Design accattivante
  • Presenza di sensore, programmi e display interattivo

Contro:

  • Le dimensioni contenute ne compromettono la potenza

GOAMZ, il migliore per qualità prezzo 🏆

Funzionale grazie al design maneggevole a alla grafica intuitiva, questo modello di compressore portatile è pensato specificatamente per le automobili, ma può essere utilizzato anche per palloni o altri oggetti ad aria di dimensioni considerevoli grazie alla potenza e ai rapidi tempi di ricarica. Presenta inoltre uno schermo interattivo e la funzione di arresto automatico che ne aumenta il livello di sicurezza, oltre a diversi accessori che incrementano la versatilità d’uso.

Pro:

  • Manometro digitale LCD
  • Illuminazione LED
  • Funzione spegnimento automatico
  • Accessori in dotazione

Contro:

  • Misurazione dello schermo può risultare imprecisa

CYCPLUS 150 PSI, la novità 😮

Ecco un mini compressore portatile perfetto per gli amanti dello sport. Le ragioni di questa “affinità” sono molteplici. Innanzitutto il design essenziale e le dimensioni ridotte lo rendono facilmente collocabile sulla bici o moto, ma è la sua versatilità d’uso a risaltare come principale punto di forza. Si tratta infatti di un prodotto multifunzionale, in quanto integra la pompa elettrica con una funzione torcia e con la possibilità di utilizzare l’apparecchio per caricare dispositivi Android e IOS.

Pro:

  • Versatilità d’uso
  • Design funzionale

Contro:

  • Potenza e durata limitata

Compressore Portatile per Auto più economico 💰

Dotato di molti accessori, si tratta di un compressore ideale per chi ha bisogno di svolgere sia lavori in ambito domestico che sui propri veicoli grazie alla possibilità di apportare modifiche al corpo macchina. La presenza dello schermo LED aiuta l’interazione con lo strumento, mentre la funzione spegnimento automatico aumenta il livello di sicurezza predisposto.

Pro:

  • Multifunzionale
  • Luce LED
  • Funzione spegnimento automatico
  • Accessori extra

Contro:

  • Potenza e durata limitata

Lo sapevi che bastano appena 5 minuti per pulire il tuo compressore ad aria portatile? La mutazione è fondamentale per poterlo utilizzare a lungo senza problemi, ed è per questo che dopo un utilizzo più intenso – soprattutto quando si tratta di verniciatura – occorre azionare la macchina per 5 minuti, poi spegnerla e svitare il tappo dell’olio per lasciarlo uscire prima di sostituirlo con del nuovo. Questo aumenta anche il livello di sicurezza offerto.

quali tipi di compressore ad aria esistono?

I compressori ad aria portatili possono essere suddivisi in due categorie: quelli con serbatoio e quelli senza serbatoio. La loro funzionalità non è compromessa dalle differenze tra le due tipologie, ma in ogni caso è importante conoscere le caratteristiche dell’uno e dell’altro in quanto possono essere più o meno indicati a svolgere determinati lavori.

I compressori con serbatoio a loro volta possono essere a vite o a pistone. Sono caratterizzati da un maggiore ingombro e peso, ma presentano un flusso più costante e una maggiore potenza, ragion per cui sono la soluzione ideale per lavori che richiedono tempi lunghi o parecchia forza.

Nel caso di modelli senza serbatoio, potenza e autonomia d’uso diminuiscono a vantaggio di una maggiore maneggevolezza e trasportabilità. In questo caso si dividono in analogico e digitale, ed entrambe le varianti non incamerano l’aria ma necessitano di essere azionati per produrla.

Quali sono i vantaggi di un compressore ad aria portatile?

La scelta di acquistare questo accessorio presenta numerosi vantaggi di cui il primo, come già accennato, è sicuramente la versatilità d’uso. Insomma, una volta comprato, non potremmo più farne a meno. Ma non solo, anche la libertà d’uso determinata dalle dimensioni e peso ridotti non è da sottovalutare, così come il fatto che le stesse caratteristiche rendono molto più semplice tenerlo in casa quando non se ne necessita. Inoltre, l’assenza di motore riduce la quantità di rumore emesso e, non trattandosi di dispositivi elettrici, anche i consumi energetici sono del tutto contenuti.

Come si utilizza un mini compressore ad aria portatile?

Sostanzialmente sono 5 i passaggi da dover compiere quando si ha a che fare con un mini compressore ad aria portatile. Il primo riguarda il montaggio, ovvero assemblare i piedini in gomma, il filtro dell’aria e il tappo al corpo macchina. Dopodiché è possibile accenderlo tramite un interruttore che serve a far partire il caricamento dell’aria. A questo punto è possibile anche regolarlo in base all’uso che se ne vuole fare e al modello specifico, per poi collegare tubo o pistola per il gonfiaggio. Infine, riguardo la manutenzione, dopo l’uso occorre svuotare il serbatoio – nel caso di fosse – dalla condensa accumulata. Operazione molto semplice grazie alla presenza nei modelli più moderni di un’apposita valvola di spurgo.

compressore d'aria portatile

Come scegliere un compressore ad aria portatile

Giunti a questo punto, prima di procedere con l’acquisto di un mini compressore ad aria portatile è consigliabile valutare i seguenti aspetti in modo da trovare il modello che fa al caso nostro.

  • Tipologia: si intende le due categorie citate in precedenza, ovvero con o senza serbatoio. In questo caso è utile scegliere in base all’uso che si pensa di fare dell’attrezzo, della frequenza con la quale si intende utilizzarlo e sullo spazio disponibile in casa.
  • Alimentazione: esistono due tipologie di alimentazione elettrica per un mini compressore, una prevede l’aggancio a una presa accendisigari come quella dell’auto, mentre l’altra a una normale presa elettrica che abbiamo in casa. Anche qui dipende da dove preferiamo utilizzare la macchina, se in ambiente domestico oppure in altri contesti.
  • Dimensioni: di per sé un compressore portatile ha dimensioni e peso ridotto, tuttavia esistono delle varianti, ad esempio in base alla presenza o meno del serbatoio. Per questo è importante analizzare bene i dati tecnici del modello che ci incuriosisce prima di comprarlo.
  • Potenza: si misura in numero di Cavalli Vapore, che per un modello mini oscillano tra 1,5 e 6.
  • Accessori: sono soprattutto ugelli o pistole che possono essere aggiunte al corpo macchina per svolgere funzioni diverse. È sempre consigliabile un modello che assicuri una buona versatilità d’uso.

Piccoli compressori portatili di questo mese

In Conclusione

Per chi ama svolgere lavoretti fai da te, oppure si rilassa nel dedicarsi a sistemare oggetti e ambienti della casa, avere a disposizione il miglior compressore ad aria portatile è garanzia di successo e divertimento. Si tratta infatti di piccoli compressori ad aria che, seppur caratterizzati da peso e dimensioni contenute, presentano una grande funzionalità. Acquistandone uno, ancora meglio se con l’aggiunta di accessori extra, sarà possibile svolgere diverse attività, dalla pulizia di casa fino a sistemare l’auto o la moto.