Collare Antiabbaio per cani – E’ sicuro? guida all’acquisto dei migliori

I nostri amici a quattro zampe sono molto più simili a noi di quanto possiamo immaginare. Come le persone, anche i cani hanno bisogno di comunicare le emozioni provate, di interagire con i propri simili e con l’ambiente intorno. A volte lo fanno perché in cerca di attenzioni, altre quando desiderano coccole, altre ancora invece per avvisarci di qualcosa.

È bene non ignorare i loro comportamenti, ma piuttosto imparare a leggerli in modo da educare il cane nel migliore dei modi. Infatti, se in alcuni casi abbaiare è del tutto normale, in altri rappresenta il manifestarsi di un disturbo che potrebbe renderlo aggressivo.

Per questo è fondamentale intervenire con metodi specifici, adeguati a migliorare la vita dell’animale rispettando il suo benessere.

collare antiabbaio, Cos’è

Tra gli strumenti più utili per aiutarci ad educare un cane c’è il collare antiabbaio. Un accessorio finalizzato a suggerire all’animale i comportamenti da seguire soprattutto in assenza del padrone. Quando il cane si trova da solo, magari in una situazione che avverte come di pericolo, potrebbe infatti reagire in maniera spropositata. In questo caso il collare si aziona autonomamente attraverso sensori e, sulla base dell’intensità e della durata dell’input ricevuto, stimola l’animale a tranquillizzarsi.

Scopri anche la nostra recensione sui collari gps, il miglior modo per tenere d’occhio il vostro amico a 4 zampe.

I Migliori collari antiabbaio del 2022

Sul mercato esistono diverse tipologie di collare antiabbaio che possono variare per stile, taglia, materiali e, soprattutto, in base alla tipologia di stimolo trasmesso.

È possibile optare per collari a ultrasuoni, con vibrazioni o spray, oppure funzionanti attraverso scariche elettriche. Tuttavia, proprio queste ultime rappresentano la soluzione meno consigliata in quanto potrebbe generare malessere nell’animale.

Oltre alla qualità materica, alla resistenza e all’affidabilità del prodotto, quando ci si trova a dover scegliere quale collare antiabbaio acquistare è importante valutare innanzitutto la delicatezza nell’interazione con il cane, in modo da non infierire su di lui con punizioni eccessive.

PetKing – Il n°1 secondo gli utenti 🏆

Semplice da usare per il padrone e non invasivo per il cane, questo collare utilizza lo stimolo della vibrazione che può essere impostato su 7 diversi livelli. Partendo da un primo livello con stimolo sonoro, si arriva a quello più alto che associa suono e vibrazione ad alta intensità. La confezione presenta anche un manuale di addestramento.

Pro:

  • Intensità regolabile
  • Pause di 75 secondi in modo da non stressare il cane
  • Cinghia regolabile, realizzata in nylon refrigerative e resistente plastica ABS
  • Impermeabile

Contro:

  • Batterie difficili da reperire
  • Può risultare troppo pesante per i cani di piccola taglia

PetTec – Il collare antiabbaio più resistente 💪

Un modello di collare che opera nel rispetto dell’animale. Il funzionamento mediante stimolo sonoro e vibrazione può essere personalizzato regolando il prodotto su 7 diversi livelli di intensità e sensibilità mediante un sistema intuitivo e sicuro.

Pro:

  • Intensità regolabile
  • Display a LED facilita l’uso
  • Batterie ricaricabili
  • Livello di protezione IP65

Contro:

  • Costoso

Petic – Il più economico 💰

Ancora un modello con intensità suono e vibrazione regolabile su 7 diversi livelli in modo da educare il cane prestando attenzione al suo benessere. Inoltre, l’autonomia di blocco per un minuto dopo che è stato raggiunto il livello più elevato riduce il pericolo di stress.

Pro:

  • Intensità regolabile
  • Cinturino regolabile e riflettente per le ore notturne
  • Dispositivo anti-abbandono
  • Ottimo rapporto qualità prezzo

Contro:

  • Scarsa durabilità dei materiali e delle batterie

GoPetee – il più facile da usare 👀

Disponibile in tre colori differenti, questo collare consente di procedere con un’educazione progressiva del proprio cane impostando diversi livelli di intensità per il sensore del suono e della vibrazione. Facile da usare anche grazie agli accessori e il manuale forniti.

Pro:

  • Intensità regolabile
  • Ottimo rapporto qualità prezzo
  • Accessori compresi nel prezzo
  • Taglia regolabile

Contro:

  • Limitata funzionalità delle batterie
  • Vibrazione non molto potente

Connete – Il collare per addestramento professionale🐕

Intuitivo nell’uso grazie alla presenza di pulsanti LED e per nulla aggressivo verso il cane, questo collare con sensori a spray utilizza la citronella che infastidisce l’animale quando abbaia. Presenta due modalità di regolazione per la lunghezza del collare e l’intensità dello spruzzo.

Pro:

  • Ricaricabile
  • Doppio cinturino
  • Impermeabile

Contro:

  • Costoso

Lo sapevi che i cani, così come i neonati, sono capaci di registrare e interpretare alcune parole pronunciate dalle persone?
Certo, non possono capirne letteralmente il significato, ma similmente ne associano il suono a una determinata azione riuscendo quindi a reagire in maniera coerente con lo specifico input ricevuto. In tal senso è importante associare l’uso del collare antiabbaio a una corretta comunicazione in modo da inserire l’impiego di questo dispositivo all’interno di un percorso educativo finalizzato a migliorare il benessere del cane anche attraverso la relazione con chi gli sta intorno, non solo mediante punizioni.

Come funziona il collare antiabbaio?

Esistono diverse tipologie di collare antiabbaio, che differiscono in base alla natura dello stimolo emesso.

  • Collare con spray: presenta al suo interno un piccolo dispositivo ricaricabile che si aziona automaticamente e un microfono a esso associato che serve a registrare quando il cane abbia. Particolarmente utile per uso domestico, in quanto all’aria aperta la fragranza potrebbe disperdersi.
  • Collare a ultrasuoni: il microfono, oltre a registrare l’abbaiare del cane, emette in risposta un suono impercettibile per l’uomo. Alcuni modelli presentano una doppia tonalità che serve a suggerire al cane di aver compiuto un comportamento positivo o negativo.
  • Collare con vibrazioni: può essere regolato impostando diverse intensità e per questo risulta utile per educare l’animale a piccoli step. Tuttavia è importante individuare il livello più adatto in quanto, se troppo sensibile, il collare potrebbe reagire anche a rumori esterni.
  • Collare con scariche elettriche: un modello molto discusso per la sua pericolosità. Quando il sensore nel collare registra suoni emessi a livello della gola risponde emettendo delle scosse che possono essere a basso voltaggio e quindi infastidire il cane senza provocare dolore, ma ad ogni modo rischiano di provocare traumi all’animale.
  • Collare con controllo a distanza: un meccanismo adattabile ai diversi modelli descritti, prevede la possibilità per il padrone di azionare il collare a una distanza massima di 1 km mediante un telecomando in modo da limitarne l’uso senza stressare inutilmente l’animale.

In quanto tempo il cane impara a non abbaiare?

Non esiste un tempo prestabilito, piuttosto varia in base alla personalità dell’animale e all’efficacia del sistema adottato dal suo padrone.

Il collare antiabbaio rappresenta uno strumento utile per trasmettere al cane un insegnamento, ma la sua funzionalità è potenziata se associato a un percorso educativo completo. Per questo è consigliabile scegliere un collare con intensità regolabile, in modo da abituare lentamente il nostro amico senza provocargli traumi.

collare antiabbaio
Il mio caro compagno di vita che vedete in foto, abbaiavo un pò troppo spesso inizialmente e i vicini non erano molto contenti… Un collare che faceva suoni sempre più forti ad ogni abbaio, ha risolto questa situazione e senza compromettere la sua salute!

Come scegliere un collare antiabbaio

Ecco quali sono i principali fattori da considerare nell’acquisto di un collare antiabbaio:

  • Stimolo: l’aspetto principale da considerare è la natura dello stimolo che può risultare più adatta alle nostre esigenze e in linea con le necessità dell’animale. Ricordandosi l’importanza di non provocargli dolore.
  • Taglia: come per tutti i collari scegliere quella giusta è fondamentale perché un collare troppo piccolo potrebbe ferire il cane, mentre uno troppo largo non sarebbe funzionale. La soluzione migliore è optare per un modello regolabile.
  • Materiale: dal punto di vista materico bisogna privilegiare materiali anallergici, resistenti e possibilmente waterproof. In alcuni casi i collari possono essere anche riflettenti per una maggiore sicurezza durante le ore notturne.
  • Funzioni accessorie: oltre a regolare l’intensità dello stimolo, molti collari presentano altre funzioni come il controllo in remoto, la presenza di luci LED o di altri sistemi di interazione che, oltre a punire l’animale, possono anche premiarlo.

I collari antiabbaio giudicati più sicuri dagli utenti

In Conclusione

Se scelto con attenzione il collare antiabbaio può rivelarsi un valido strumento per educare il proprio cane, soprattutto quando non si ha la possibilità di essere sempre presenti. Fondamentale per il suo benessere è la natura dello stimolo emesso, facendo attenzione a non ferirlo o stressarlo. Ancora, è importante controllare che la taglia sia giusta, il materiale anallergico e l’eventuale presenza di altre funzioni in grado di agevolare l’interazione con l’animale.