Aspirapolvere piccolo – Quale può essere il migliore per la tua auto

Considerato un must have nelle case di ognuno di noi, in molti potrebbero pensare che l’aspirapolvere è apparecchio moderno, di recente invenzione, invece non è così. Basta pensare che una delle sue evoluzioni, ovvero la scopa elettrica, è stata brevettata nel 1930 dalla Vorwerk & Co. Prima e dopo di lei ci sono state moltissime varianti di questo prodotto, dovute innanzitutto alla sua grande funzionalità. Nessuno potrebbe immaginare di vivere senza averne una a disposizione, soprattutto considerando da una parte la particolare comodità d’uso che presenta e dall’altra i ritmi frenetici e il poco tempo libero a disposizione.

Più picciola e leggera, con o senza sacco, provvista di cavo elettrico oppure a batteria e arricchita da accessori e funzioni extra, tutte le evoluzioni alle quali è stata soggetta l’aspirapolvere hanno sempre perseguito l’obiettivo primario di rispondere alle esigenze del consumatore del tempo. Così, negli ultimi anni, proprio con rifermento alle esigenze di spazio e tempo ridotto, oltre alla versatilità d’uso, sono stati sviluppati molti aspirapolvere di dimensioni ridotte o “mini”, da poter utilizzare tanto in casa quanto altrove, come ad esempio in ufficio o in macchina.

Vediamo nello specifico di cosa si tratta e qual è l’offerta più recente sul mercato.

I Migliori aspirapolvere piccoli del 2022

BLACK DECKER DVJ325J-QW – Il più scelto 🏆


Al primo posto troviamo un potente aspirabriciole senza filo, leggero, maneggevole e pratico nell’uso. Tra gli aspetti che denotano la qualità del prodotto c’è la presenza di una bocchetta estendibile, grazie alla quale è possibile raggiungere anche i punti più inaccessibili, e di una spazzola specifica per la pulizia della tappezzeria. Inoltre, l’azione ciclonica potenzia l’aspirazione, mentre il vano contenitore può essere facilmente rimosso e svuotato.

Pro:

  • Azione ciclonica
  • Vano rimovibile
  • Accessori extra
  • Manico ergonomico

Contro:

  • Durata limitata

URAQT Aspirabriciole – Perfetto per auto 🚗


Caratterizzato da un design compatto e innovativo, questo aspirabriciole presenta una potenza e una resistenza tali da non far rimpiangere un normale aspirapolvere. Di particolare interesse la velocità di carica compresa tra 3 e 5 ore, la possibilità di rimuovere il filtro per lavarlo e la presenza di un tubo elastico e un set di ugelli per ottimizzare la pulizia.

Pro:

  • Versatilità d’uso
  • Durata
  • Rapidità di carica
  • Accessori extra
  • Rapporto qualità-prezzo

Contro:

  • Meno silenzioso di quanto promesso

Duronic VC8 BK Scopa Elettrica – il modello per casa 🏠

In questo caso si tratta di una scopa elettrica di piccole dimensioni piuttosto che di un aspirapolvere portatile, tuttavia il modello selezionato unisce la comodità del formato mini alle prestazioni di una soluzione standard in quanto è possibile utilizzarla in più versioni: come scopa compatta oppure estraendo la parte centrale che diventa un’aspirabriciole portatile. Anche in questo caso sono presenti un tubo flessibile e più tipologie di spazzole, oltre al filtro HEPA e a una irrinunciabile classe energetica A.

Pro:

  • Classe energetica A
  • Filtro HEPA
  • Versatilità
  • Accessori extra

Contro:

  • Ingombrante

RIKIN aspirapolvere portatile – Piccolo ma potente 😉

Chiudiamo la selezione con un modello particolarmente innovativo. Gli aspetti interessanti di questa piccola aspirapolvere sono davvero molti, a partire dalla presenza del filtro HEPA, la potenza del motore e la presenza di illuminazione LED per interagire con l’apparecchio o utilizzarlo di notte. Dotata di tutti gli accessori necessari, funziona a umido e secco.

Pro:

  • Versatilità d’uso
  • Filtro HEPA
  • Versatilità
  • Accessori extra

Contro:

  • Meno potente di quanto promesso

Lo sapevi che esistono aspirapolvere che entrano nel palmo di una mano? Solitamente quando pensiamo a un aspirapolvere portatile la nostra mente visualizza una versione in miniatura del normale aspirapolvere. Questo è vero, ma non è l’unica versione esistente sul mercato. Oltre al più conosciuto aspirabriciole, è possibile trovare anche dei piccoli apparecchi tascabili che, dotati di un funzionamento analogo, servono ad aspirare via la polvere da apparecchi complessi ricchi di dettagli o semplicemente dalla tastiera del nostro computer.

Quali tipi di aspirapolvere piccoli esistono in commercio?

Se si parla di aspirapolvere in generale sarebbe davvero il caso di dire: ce n’è per tutti i gusti. Seguendo le richieste del mercato, attualmente è possibile trovare di tutto in commercio: scopa elettrica, robot, aspira briciole; e poi, per quanto riguarda i modelli di aspirapolvere abbiamo quelli a vapore, a traino, ad acqua, mini, per auto, senza fili, silenzioso… e molto altro ancora.

Ma nel caso specifico dell’aspirapolvere piccolo, le tipologie attualmente disponibili sono 2: con filo e senza filo. Dal punto di vista del design sono simili, anche se l’aspirapolvere piccolo con il filo potrebbe essere più compatto rispetto all’altro, mentre per quanto riguarda il funzionamento in linea di massima si rifà all’aspirapolvere grande con le stesse caratteristiche.

Infatti, un aspirapolvere piccolo con filo per funzionare ha bisogno di essere attaccato alla corrente elettrica. Di positivo ci sono il peso contenuto, la maneggevolezza e la durata illimitata, ma di contro saremo vincolati a una determinata area oppure si dovrà provvedere a staccare e riattaccare il cavo continuamente. Il modello senza filo, invece, funziona a batteria o mediante ricarica. Questo vuol dire che saremo liberi di utilizzarlo quando e dove vogliamo, ma per un arco di tempo più limitato.

A cosa serve un aspirapolvere piccolo?

Nonostante si tratti di un apparecchio dalle dimensioni davvero contenute, la funzionalità di un aspirapolvere piccolo è davvero notevole. E questo non solo per la potenza, che a volte può diventare considerevole a seconda del modello, ma soprattutto per la versatilità d’uso. In molti lo usano per pulire l’auto oppure per raggiungere degli spazi fuori casa – ad esempio in giardino – dove sarebbe difficile arrivare con un normale aspirapolvere. Questo però non toglie che possa essere tranquillamente utilizzato in ambiente domestico. Anzi, alcuni lo preferiscono per gli spazi di dimensioni contenute oppure per aspirare polvere e sporco da angoli nascosti.

C’è chi addirittura utilizza delle tipologie di aspirapolvere particolarmente piccole per pulire la tastiera del computer o apparecchiature elettroniche.

Come si utilizza?

Per ottimizzare al massimo la funzionalità di un aspirapolvere di piccole dimensioni è opportuno innanzitutto comprendere come utilizzarlo in maniera corretta. Il primo passo da compiere è leggere il libretto illustrativo, così da scoprire le caratteristiche del sistema di funzionamento, i materiali, l’alimentazione e tutta una serie di informazioni tecniche. Dopodiché è opportuno assemblarlo, facendo attenzione a non danneggiarne alcuna parte. Infine, per essere pronti all’uso, bisogna caricarlo. Come accennato, il libretto d’istruzioni fornirà senza dubbio il quantitativo di ore necessarie per una carica completa, ma in generale per la prima ricarica si tratta quasi sempre di 8 ore.

aspirapolvere piccolo per auto

Come scegliere un aspirapolvere piccolo

Arrivati a questo punto, certi di voler procedere con l’acquisto di un aspirapolvere piccolo, prima di finalizzare il pagamento è bene accertarsi che i seguenti aspetti rispondano alle proprie esigenze, così da avere la sicurezza di aver trovato il prodotto che fa per noi.

  • Tipologia: come detto in precedenza non esiste una sola tipologia di aspirapolvere di piccole dimensioni e in base al modello è possibile diversificare la finalità d’uso. Per questo motivo è importante avere chiaro lo scopo principale per cui intendiamo acquistare il prodotto.
  • Alimentazione: con o senza filo? Anche questo dipende dall’uso che dobbiamo fare del prodotto. Un modello cordless offre una maggiore versatilità d’uso, mentre quello con cavo da attaccare alla presa elettrica una maggiore autonomia
  • Potenza: un aspirapolvere piccolo non avrà mai la potenza di un apparecchio di dimensioni standard, ma ciò non toglie che un modello caratterizzato da maggiore potenza può aiutare a svolgere meglio la funzione di pulizia. Solitamente le tipologie con filo sono dotati di motore più potente.
  • Capacità: la capienza di un modello mini si aggira di solito a 0,5 litri, tuttavia sono disponibili anche tipologie con serbatoio 0,4 e fino a 0,7 litri.
  • Tecnologia: un esempio è la tecnologia ciclonica, presente in alternativa al sacco e che consente di accumulare lo sporco nel vano contenitore. Ma per tecnologia si intende anche l’innovazione apportata ai filtri o la presenza di display interattivo con cui regolare la potenza o interagire con l’apparecchio.
  • Accessori extra: si riferiscono quasi sempre alle spazzole o lance predisposte al fine di rendere la pulizia più efficace.

Aspirapolvere piccoli e potenti in tendenza ogi

In Conclusione

Nonostante le dimensioni e la potenza ridotte rispetto ai modelli standard di aspirapolvere, le tipologie di piccole dimensioni presentano numerosi vantaggi che partono dalla maneggevolezza fino alla versatilità d’uso. Tra le caratteristiche di questo prodotto c’è infatti la leggerezza, la possibilità di arrivare in luoghi inaccessibili e la trasportabilità. Occorre solo scegliere il modello che fa al caso nostro.